Il Jazz Di William P. Gottlieb

Portrait of Billie Holiday, Downbeat, New York, N.Y., ca. Feb. 1947

_____________________________________________________________________________________________________________

William P. Gottlieb

Mi collego e subito, nella zona in basso riservata alle immagini “postate dai contatti”, noto la foltografia qui sopra: -Che diamine ci fa una fotografia di Billie Holiday su Flickr…? Noto subito che proviene dall’album della biblioteca del congresso degli Stai Uniti e vado a vedere decisamente incuriosito. Gottlieb era un giornalista che scriveva di jazz ed un fotografo “autodidatta” che usava la sua bestia, come pare chiamasse la sua speed Graphic per ritrarre artisti della scena jazz Americana. Utilizzava lampeggiatori multipli collegati a distanza per otimizzare l’illumunazione della scena e dello sfondo. Effettuò anche una serie di ritratti riprendendo gli artisti riflessi nello specchi del loro camerino cosi da incorniciarli  con il loro ambiente. Lasciò il suo archivio alla “Library of Congress”.

Mi fermo qui, oltre non farei altro che copiare o tradurre cose già scritte che potete trovare ai seguenti links, soprattutto, godetevi le immagini.

The Library of Congress

Library’s Performing Arts Encyclopedia

e.c

[nggallery id=14]

William P. Gottlieb, il più giovane figlio di Sam e Lena Gottlieb, è nato il 28 gennaio 1917 a Brooklyn, New York. Quando aveva quattro anni la sua famiglia si trasferì a Bound Brook, New Jersey, dove suo padre era nel settore delle costruzioni e legname. Quando Gottlieb era nella sua adolescenza, la madre è morta e suo padre è morto poco dopo. Dopo la maturità si iscrive alla Lehigh University, dove si è laureato in Economia e fu eletto al Phi Beta Kappa, una società onoraria scolastica. interesse Gottlieb nel jazz il risultato di un incidente di intossicazione alimentare nel 1936. Il giorno prima della fine del suo secondo anno, la casa di fraternità Gottlieb servita carne di maiale poco cotta, che ha causato lui e molti dei suoi compagni di classe a scendere con la trichinosi. Anche se costretto a letto durante l’estate, Gottlieb è stato visitato spesso dal suo compagno di scuola “Doc” Bartle, un pianista classico e un appassionato di jazz ardente. Bartle raccolti riviste internazionali di musica in cui si legge che il jazz era più grande contributo americano alle arti, e ha condiviso i suoi interessi con Gottlieb, spesso portando con sé Louis Armstrong e Duke Ellington record durante la sua visita. Gottlieb è stato rapidamente trasformato da un fan di Guy Lombardo in un appassionato di jazz.
Quando tornò a Gottlieb Lehigh in autunno, è diventato una rubrica fissa per il giornale del campus settimanali e redattore capo della Rivista Lehigh, un tempo fiorente rivista mensile che non è più pubblicato. Ispirato da Armstrong Bartle e dei documenti Ellington, Gottlieb ha fatto in modo che le registrazioni jazz e il jazz sono stati coperti in ogni numero della rivista. rivista “Life” era popolare in quel periodo, e Gottlieb si sforzò di emulare il suo formato in gran parte fotografica. Le illustrazioni sono state fornite da altri studenti come Lou Stoumen, che poi ha vinto due Oscar per i documentari dal titolo La vera storia della guerra civile e la Volpe Nera.
Nel 1938, l’anno scorso Gottlieb alla Lehigh, ha ottenuto una posizione presso la Washington Post. L’occasione a causa di una partita di tennis piovuto-out. Un compagno di scuola di Gottlieb è stato il nipote di don Bernard, responsabile della direzione affari del Post, e l’amico incoraggiato Gottlieb per incontrare Bernard quando ha attraversato Washington, DC, durante il tour con la squadra di tennis varsity. Gottlieb è stato programmato per essere in città il Sabato, e non pensava che avrebbe avuto il tempo per la ricerca di lavoro, ma ha confezionato alcuni campioni di scrittura per ogni evenienza. La partita di tennis è stato annullato a causa della pioggia, in modo da Gottlieb colto l’occasione e chiamò Bernardo, che si trovava a lavorare su questo particolare Sabato. Mentre sua moglie-to-be, Delia, aspettò fuori nella sua Ford, Gottlieb ha incontrato Bernard (che sostiene di Gottlieb indossava ancora il suo abito da tennis durante l’intervista). Bernard è stato colpito con il suo lavoro e lo raccomandò per una posizione nella pubblicità. Dopo la sua laurea, Gottlieb iniziò a lavorare come avvocato di pubblicità Post con uno stipendio di circa 25 dollari a settimana.
Diversi mesi dopo ha iniziato a lavorare per il posto, Gottlieb si offrì di scrivere una rubrica settimanale jazz per l’edizione Domenica della carta. La sua richiesta è stata concessa, e lui è stato pagato un dieci dollari in più di una settimana per scrivere la colonna, che divenne il primo del suo genere ad essere pubblicato su base regolare in un quotidiano. Inizialmente un fotografo accompagnato Gottlieb su incarico nei locali notturni e nei teatri locali, ma dopo due settimane la Posta ha concluso che non poteva permettersi di pagare un fotografo. Determinato a illustrare i suoi articoli, Gottlieb scambiati in centinaia di documenti dalla sua vasta collezione – che consisteva principalmente di documenti promozionali che aveva ricevuto per la revisione – per un 3-1/4 x 4-1/4-inch autovelox stampa grafica , film e lampi.

[Gottlieb con la sua Speed Graphic
macchina fotografica, luglio 1997]. Jim Higgins,
fotografo. (Photoduplication
Service).
Lo Speed Graphic era la macchina fotografica stampa classica del suo tempo e ha richiesto una notevole abilità da padroneggiare. Se utilizzato con i titolari di film (a differenza di pacchetti di pellicola), la sua capacità era di due pezzi di film e quindi due esposizioni. Dal momento che esponendo il secondo pezzo del film ha richiesto lanciando il titolare e la rimozione di un vetrino scuro, il fotografo ha dovuto fare ogni conteggio esposizione. Nonostante la sua goffaggine, la macchina fotografica era uno strumento di qualità, e Gottlieb una volta disse: “Se si può sparare a un Speed Graphic, si può riprendere qualsiasi cosa”. Con l’aiuto di colleghi nel reparto foto del Post, e dopo una enorme quantità di prove ed errori, Gottlieb conquistato la fotocamera complicato, o “bestia”, come lo chiamava lui. La maggior parte delle fotografie Gottlieb sono state prese con la Speed Graphic, anche se alcuni sono stati prodotti con un Graflex e una Rolleiflex, e la maggior parte erano in bianco e nero. Notevoli eccezioni includono fotografie a colori di Fifty-Second Street a New York City, la Stan Kenton Orchestra, e Frank Sinatra.
La Speed Graphic usato ingombrante, lampi di luce non riutilizzabili come sua principale fonte di luce. Anche se il flash potrebbe essere collegata direttamente alla macchina fotografica – la configurazione Gottlieb spesso utilizzato per i suoi scatti di artisti sul palcoscenico di un teatro – Gottlieb ha preferito la sua posizione di luce o le luci di distanza dalla macchina fotografica per una migliore cross-o retro-illuminazione. In questa modalità, uno o più Flashguns sono stati collegati alla telecamera con cavi di prolunga. più luci potrebbero essere posizionato ovunque nella stanza a portata dei cavi. In alternativa, se una fotocellula è stata collegata ad un secondo (o “slave”) unità, potrebbe essere a una distanza maggiore e attivato dal flash della macchina “master”. In alcune circostanze, la Flashguns erano fissate a un supporto mobile, o il muro, ma Gottlieb spesso reclutati i membri del pubblico per aiutarlo a tenere Flashguns. E ‘stato difficile mostrare i volontari come tenere e puntare le luci correttamente e nuovi bulbi dovevano essere inserite dopo ogni esposizione.
Perché Gottlieb non ha pagato per le illustrazioni e le sue forniture fotografiche erano ingombranti e costosi, ha limitato ogni sessione di foto per tre o quattro colpi. Questo approccio è stato, ovviamente, ideale per la disciplina richiesta dal Speed Graphic e l’uso di Flashguns. Gottlieb I ritratti sono ben pensiero studi di carattere-out, non candids o immagini selezionate da decine di esposizioni.
Gottlieb non ha avuto il vantaggio di essere un musicista professionista come fotografi di jazz altre, come Milt Hinton, un bassista, e Charles Peterson, un chitarrista e suonatore di banjo. Tuttavia, egli fu in grado di ottenere risultati memorabili perché conosceva la musica, i musicisti, e quello che voleva ogni fotografia da mostrare.

Ritratto [di William P. Gottlieb,
WINX, Washington, DC, ca. 1940],
da Gottlieb Delia Potosky. Musica
Divisione (LC-GLB13-1618)
Dall’età di 22 Gottlieb era conosciuto come “Mr. Jazz” in Washington, DC, zona. Oltre alla sua posizione presso la Posta, ha avuto un colloquio show di mezz’ora su radio WRC (una presa NBC) e un tre volte alla settimana di lavoro disc jockey a Winx, una stazione radio locale indipendente. Nel suo show radiofonici, Gottlieb spesso avuto ospiti musicali dal Teatro Earle o il Teatro Howard e avrebbe giocato di musica di artisti di approfondimento e di musica di coloro che li hanno influenzati. Altri ospiti inclusi personaggi del jazz come Nesuhi e Ahmet Ertegun, i figli dei ambasciatore turco negli Stati Uniti. Ahmet Ertegun e Herb Abramson fondò la Atlantic Records, mentre Nesuhi Ertegun divenne capo della consociata internazionale. Gottlieb e il Erteguns erano buoni amici, pranzo spesso l’un l’altro di case. Nesuhi e Gottlieb praticato tennis da tavolo nella sala da ballo principale della ambasciata turca e gareggiato nel doppio concorso del Tavolo Nazionale di Tennis Championships.
Washington, DC, fu città natale di Duke Ellington, ma la sua scena jazz non era particolarmente fiorente, almeno rispetto a New York City. Il Distretto è una città altamente segregata in questo periodo, e le sedi di jazz riflette questa politica: il Teatro Howard era uno stabilimento nero, mentre il Teatro Earle servito una clientela bianco. Piccoli locali notturni, come la Silver Fox, andavano e venivano rapidamente. Uno dei ricordi più belli Gottlieb come Washingtonian è un’occasione in cui ha orchestrato una jam session tra la band di Count Basie al Teatro Howard e Bob Crosby Orchestra, l’ensemble leader Dixieland, che si esibiva al Teatro Earle. Dal momento che entrambi i gruppi erano in città, allo stesso tempo, Gottlieb pensato che sarebbe stato piacevole per riunirli. Il gestore del Teatro Howard Gottlieb ha dato il permesso di utilizzare il palcoscenico per l’evento dopo le ore. (Gottlieb pubblicizzato il Teatro Howard regolarmente nel post, in modo che il manager “dovuto” di lui.) La collaborazione ha portato in una band potente con Basie, Ray Bauduc, e Bob Haggart nella sezione ritmica, e Matty Matlock, Eddie Miller, Lester Young , e Herschel Evans sulle canne. Gottlieb poi descritto l’evento come “semplicemente glorioso”.
Nel 1941 Gottlieb lasciare il suo lavoro nella pubblicità e si iscrive come studente laureato in economia presso l’Università del Maryland a College Park (un sobborgo di Washington) e ha insegnato un paio di corsi a livello di matricola. “Mr. Jazz” è rimasto attivo nella scena jazz, continuando a scrivere la sua rubrica settimanale Post e fare trasmissioni radio.

Ritratto [di Ahmet Ertegun M., Duke Ellington,
William P. Gottlieb, Nesuhi Ertegun, e Dave
Stewart, casa s William P. Gottlieb ‘, Maryland,
1941], Delia Potosky Gottlieb, fotografo.
Music Division (LC-GLB13-0234)
Un gruppo di studenti dell’Università del Maryland Gottlieb ha chiesto di tenere un corso apprezzamento jazz. L’amministrazione scolastica non avrebbe approvato la categoria proposta, tuttavia, e Gottlieb poi appreso il perché: “Un sacco di studenti mi si avvicinò con l’idea di insegnare a un non-per-corso di credito o un corso di-credito in jazz ero qualcosa. di un personaggio a scuola. Qui mi è stato insegnato economia e con un show della NBC, un tre a settimana su una stazione locale, e una colonna settimanale jazz perché ho continuato a questo. Ma la facoltà è venuto giù e ho imparato secondo mano, o una mano poco più di un secondo, è stato rifiutato perché l’università non lo vogliamo, visto che avrebbe dato troppo elogi, per così dire, ai neri. Sulla mia trasmissioni radio e sulla mia colonne, io consigliati neri un grande affare. Non perché ero fuori crociata, ma perché erano le persone chiave in jazz “. Scontenti con il sistema universitario, ha ottenuto un posto come un economista con l’Ufficio guerra di prezzi Amministrazione.
Gottlieb è stata redatta nel Army Air Corps nel 1943. Ha subito una serie di orientamenti in Virginia, Mississippi, North Carolina, Connecticut, California, e Washington, e alla fine sia servito come un ufficiale con foto e classifiche ufficiali. Ha avuto la fortuna di restare negli Stati Uniti in condizioni di lavoro ideali, infatti, egli affettuosamente (e con una certa dose di colpa) ricorda l’ascolto della suonare Glenn Miller Orchestra in balcone della sala mensa della Yale University. Gottlieb ha continuato a presentare articoli per il posto di qualche tempo. Ha sempre portato la sua macchina da scrivere, macchina fotografica, flash e racchetta da tennis con lui in una cassa. Gottlieb ha detto: “Mentre un privato presso l'(Mississippi) Gulfport Airfield, ero ancora inviare le cose al Washington Post e quello utilizzato per irritare uno dei sergenti. Non sapeva cosa c’era in quelle lettere, e lui avrebbe messo mi extra dovere KP e cose del genere, ma lui non farebbe mai un attacco frontale a tutto campo su di me perché ero troppo grande e il tipo di prepotenza a modo mio. Così ho sempre cavata con questo genere di cose. ”
Dopo la seconda guerra mondiale, Gottlieb è andato a New York per proseguire la sua carriera giornalistica. Una delle sue prime tappe è stata la sede della rivista Down Beat nella costruzione RKO al Rockefeller Center. Down Beat, la rivista leader del jazz, è stato sede a Chicago e ha filiali in tutto il mondo. Il personale è stato già familiarità con la colonna Post Gottlieb e radiofoniche e gli offrì un posto come assistente al montaggio a Mike Levin. Gottlieb compiti principali erano di scrivere recensioni dei concerti e per compilare una colonna catchall di notizie jazz provenienti da tutto il mondo, di tanto in tanto ha illustrato gli articoli non ha scritto. Egli non è stato ancora pagato per essere un fotografo, ma è diventato più noto per le sue foto che per i suoi articoli. Gottlieb primo incarico è stato quello di rivedere la Glenn Miller Orchestra, sotto la guida di Ray McKinley in Pennsylvania Hotel. La sua doppia esposizione di McKinley finì sulla copertina di Beat Down ed è stato ampiamente riportato da allora – un bel realizzazione di un primo incarico. Gottlieb Le fotografie sono poi apparse su numerose copertine di Down Beat.
“Through the Looking Glass” era una caratteristica speciale in Down Beat che ha mostrato simpatia Gottlieb per riflettere i suoi sudditi in specchi. Un musicista è stato posto di fronte a uno specchio spogliatoio e poi fotografato per catturare l’interno della stanza. In un ritratto di Duke Ellington prese dietro le quinte del Teatro Paramount, Gottlieb fotografato un riflesso del ricco guardaroba elegante duca, la sua collezione di varie creme e polveri, e le note fan incuneato nella cornice dello specchio. Gottlieb scattare una foto simile di Glen Gray nella stessa posizione ma con un ambiente completamente diverso: una maglietta vecchia e stanca e giacca appendere al muro, una sacca di mazze da golf è accanto Gray, una pistola e si trova ben visibile sul tavolo medicazione.

[“Cameriere di primavera,” Kitty Kallen e
Doris Day sulla copertina di Down
Beat, v. 14, no. 8 (9 aprile 1947)].
Music Division.
Un aspetto completamente diverso in Down Beat era Gottlieb’s “Posin ‘” colonna, ispirato al New York Daily News “Indagando Fotografo” caratteristica. In ogni numero, Gottlieb posto una domanda a personaggi diversi jazz e pubblicato le loro risposte accanto a ritratti in miniatura. Alcune delle foto sono state scattate appositamente per la colonna, mentre altre sono state ritagliate da fotografie attuali. Gottlieb ha detto: “Spesso per gioco, vorrei inventare le risposte, dicendo quello che ho pensato che la persona che avrebbe potuto dire. Quello che per arrivare a me è che alcuni dei giornalisti giornale di New York che raccoglieva le virgolette, come se fossero lì e sentito, ed erano mie invenzioni. Nessuno dei musicisti mai contestato, perché ho fatto catturare ciò che vorrebbe avere detto “.
Oltre a lavorare per il Down Beat, Gottlieb ha presentato un pezzo mensile per il Record Changer, una rivista che ha caratterizzato una lista di record per essere acquistati e venduti. Quattro o cinque foto di grandi dimensioni sono stati inclusi in ogni numero come illustrazioni per la sua rubrica fissa. La rivista è anche brillantemente illustrato con disegni e vignette di Gene Deitch. Intermittenza, Gottlieb pubblicato anche lavorare nella revisione Sabato, Collier’s, e il New York Herald Tribune.
Molte delle fotografie sono state scattate Gottlieb’s a New York City il club di Fifty-Second Street o “Swing Street”, il blocco compreso fra la Fifth e la Sesta. I piani terra delle case in pietra arenaria era stata trasformata in ristoranti e discoteche, in particolare jazz club come Downbeat Club, la famosa porta, Jimmy Ryan’s, il Deuces Tre, il Club Onyx, e la Spotlite. Kelly’s Stable, la Casa Hickory, e Birdland erano situate a breve distanza. Si potrebbe viziare un drink economico – forse per cinquanta centesimi – e passare da club a club per tutta la notte per ascoltare jazz di fama mondiale, dal dixieland al Jimmy Ryan’s, al suono più contemporaneo a Tre Deuces.
Considerazioni pratiche è entrato in gioco quando Gottlieb è stato in missione per riviste e giornali. Dal momento che di solito non sapere in anticipo se le sue foto sarebbe stata pubblicata in una singola colonna, due colonne, o una mezza pagina, ha prodotto le immagini che sono state chiare e nitide anche di dimensioni limitate. Ha spesso concentrata sulla cattura di uno o due individui, invece di, per esempio, un’intera orchestra. Gottlieb favorito anche scatti in verticale, che naturalmente riflette la forma del viso e del corpo umano.
Gottlieb Le fotografie rientrano in tre categorie: gli studi di personalità, le illustrazioni che aumentano il testo di un articolo, e ritratti con effetti speciali. Un esempio del primo tipo e più comune Gottlieb della fotografia è il suo celebre ritratto di Billie Holiday, forse il più ampiamente riprodotta la fotografia di ogni artista jazz. Di questo ritratto, Gottlieb ha detto: “Sono particolarmente cercato di catturare la personalità, ma questa è una qualità sfuggente e ho avuto successo solo una parte del tempo. Ma certamente ha colpito sul bottone qui con una foto di Billie Holiday, la cui voce era pieno di angoscia. Ho anche cercato di catturare la bellezza del suo viso. Lei era al suo più bello in quel particolare momento che non è stato troppo a lungo dopo che era uscito di prigione con l’accusa di droga. Lei non ha potuto ottenere farmaci o alcool mentre era in carcere. Ha perso peso ed è venuto fuori cercando splendido, e la sua voce Credo che al suo apice. Ho avuto la fortuna di aver trascorso del tempo con lei durante quel periodo, e ho preso questo primo piano di lei in una modo che si possa veramente vedere l’angoscia che doveva essere venuta fuori dalla sua gola. ”
In altre occasioni, Gottlieb ha cercato di produrre una fotografia che espansa o interpretato il suo testo. Un ritratto di Stan Kenton rientra in questa categoria. Fotografando riflessione Kenton in uno specchio rotto, Gottlieb ha creato una traduzione visiva di Kenton musica “sconvolgente”, che è stato descritto come discordanti, non convenzionale, e forte. Mentre l’Orchestra Kenton era sul palco a Richmond, in Virginia, Gottlieb acquistato alcuni mirror poco costoso in un negozio locale di droga. Ha smontato gli specchi e incollate di nuovo insieme con il cemento di gomma, avendo cura che il vetro aderito al supporto di cartone in modo che quando ha coperto gli specchi con un asciugamano e pugni loro, i pezzi sarebbe rimasto in posizione. Gottlieb posto l’specchio rotto su un muro nello spogliatoio e ha chiesto Kenton far finta che stava dirigendo uno dei suoi giocatori tromba, Childers Buddy.

Sinistra: Come refelcted in specchio rotto: [Ritratto di Stan Kenton e Buddy Childers, Richmond, Virginia, 1947 o 1948], William P. Gottlieb, fotografo, Music Division (LC-GLB04-1274).
Destra: Final fotografia ritagliata: [Ritratto di Stan Kenton e Buddy Childers, Richmond, Virginia, 1947 o 1948], William P. Gottlieb, fotografo, Music Division (LC-GLB13-0485).
A volte Gottlieb impiegato che ha definito “espedienti”, o attirare l’attenzione dispositivi, nelle sue fotografie. Per esempio, avrebbe potuto prendere una doppia esposizione della fotocamera o utilizzare immagini simboliche. Nel suo ritratto “nebbioso” di Mel Tormé, che si è guadagnata l’appellativo di “The Fog Velvet” a causa della sua voce morbida ancora roca, Gottlieb mostra la cantante mentre vocalizzi circondato da nubi di ghiaccio secco. Su questo particolare compito, Gottlieb è andato nel backstage per intervistare Tormé, e dopo un breve saluto, il cantante si diresse verso la doccia, dando Gottlieb tempo per esaminare il tipo di ritratto che dovrebbe prendere. Uscì in un negozio di specialità gastronomiche per alcuni di ghiaccio secco. Torna nello spogliatoio, ha messo il ghiaccio nel lavandino, e quando Tormé finalmente è uscito dalla doccia e vestirsi, Gottlieb gli chiese di cantare accanto al lavandino, come acqua corrente sul ghiaccio creato nuvole. Per eliminare ogni distrazione dettagli, Gottlieb tirato un foglio dal lettino in camera e drappeggiato sul muro dietro il lavandino.

Ritratto [Tormé di Mel, New York,
N.Y., tra il 1946 e il 1948],
William P. Gottlieb, fotografo.
Music Division (LC-GLB13-0862)
Gottlieb si è iscritto al Stan Kenton Orchestra il suo viaggio di stati del Sud nel 1948. Per quasi una settimana, ha lavorato come fotografo della band come viaggiato per centinaia di chilometri al giorno e ha svolto numerosi concerti. Dopo il tour, Gottlieb si ritirò dal campo jazz. Entro la fine del 1940 la scena jazz di New York, e in particolare Fifty-Second Street, stava iniziando a perire a causa di una recessione nel music business e una tassa di intrattenimento di nuova emissione. Bop guadagnato la popolarità e lentamente scacciato i fans del jazz della vecchia scuola che ha sostenuto il club. Rockefeller Center estesa, l’arenaria vecchi sono stati sostituiti con grattacieli, e le imprese invaso “Swing Street.” Down Beat circolazione è diminuita, e la seconda rivista jazz leader, Metronome, piegato. Gottlieb si stanchi di appendere fuori in discoteca ogni sera, come ha spiegato in un’intervista: “Più importante di tutto, mi è stato davvero qualcosa di un quadrato, avevo moglie e figli, e le gioie di stare fuori fino alle quattro sono con musicisti, anche quelli che erano i miei idoli, era evaporato, soprattutto perché ero spesso l’unico sobrio lì “. [1]
Dopo Gottlieb sinistra Down Beat, gli fu offerto un lavoro al Curriculum Films, una società di filmina educativo in un ufficio adiacente di Down Beat. La sua nuova scrivania era sul lato opposto del muro dalla sua vecchia scrivania Down Beat. Successivamente ha iniziato la sua compagnia Provino con Walter Schaap, che aveva lavorato per Charles Delaunay come editore di Hot Discografia. (Schaap è il padre di Phil Schaap, uno storico jazz leader e broadcaster.) Ad una festa in ufficio celebrare nuovo business Gottlieb, James P. Johnson, Fess Williams, Freddie Moore, e Joe Thomas fornito l’intrattenimento musicale. Al suo apice, la società costituita da circa quindici dipendenti e di artisti freelance e ha prodotto diversi film per le imprese educative e istituzionali, come l’Enciclopedia Britannica Films, DC Salute, McGraw-Hill, e Oxford University Press.
Nel 1969 McGraw-Hill ha acquistato un’azienda Gottlieb e lo assunse come presidente di una divisione, una posizione che ha mantenuto per dieci anni. Prima del suo ritiro, ha prodotto alcuni millequattrocento filmine, personalmente scrivendo e illustrando circa quattrocento di loro. Da cinque a seicento del totale sono stati fotografica, mentre il resto erano letterale (disegni realistici) o disegni dei cartoni animati.
La pellicola medio era di circa cinquanta fotogrammi di lunghezza e comprende una serie di illustrazioni su una striscia di pellicola da 35 mm. testo di accompagnamento o era collocato in fondo a ogni immagine una didascalia o distribuito come una registrazione sonora. Gottlieb goduto la sua carriera di creatore Provino indipendente perché c’era così molta varietà nel suo lavoro: in sostanza, doveva diventare un esperto su una vasta gamma di argomenti, da “Come impostare una tabella” a “Numero altre basi di dieci” a “volo spaziale.” Il suo filmine vinto premi dalla Canadian Film Board e la Educational Film Associazione bibliotecari, che lo onorò con più nastri di primo luogo che qualsiasi regista altra. Gottlieb ha scritto anche una serie di libri per bambini, tra cui diversi Libri d’Oro, con un fatturato di circa cinque milioni di copie. Particolare preferiti sono la scienza fatti, voi non credete, il volo spaziale, e la Laddie Superdog, una storia basata sul personaggio di Superman.
Gottlieb carriera come fotografo di jazz e giornalista può essere divisa in tre periodi: il suo periodo di lavoro come “Mr. Jazz” a Washington, DC, la sua posizione post-bellica in Down Beat, e infine, quasi trent’anni più tardi, il suo “pensionamento” in che ha fatto un altro fuori di carriera dei suoi primi lavori. Più di duecento delle sue fotografie jazz impressionante, insieme a ricordi personali, sono pubblicate in L’età d’oro del jazz (Simon and Schuster, 1979; Artbooks Melograno, 1995). Il libro ha ottenuto una ASCAP (American Society of Composers, Autori ed Editori) Award, ed è giunto alla sua undicesima stampa. Nel 1997 Gottlieb Down Beat onorato con il suo premio alla carriera – la prima volta l’onore era andato ad un fotografo – e in quello stesso anno, il New Jersey Jazz Society lo ha celebrato come il non-musicista che più ha fatto per il jazz. Gottlieb è un membro della Federazione Americana delle Società Jazz, Photographic amministratori, Incorporated, e il Jazz Photographers Association.
Gottlieb non è più attivo come fotografo, ma negli ultimi anni ha preso alcuni ritratti di artisti jazz. L’editor di foto di Fotografia Contemporanea gli ha chiesto di fotografare Les Paul come ha fatto nel 1940, in modo da Gottlieb affittato una Speed Graphic, lenti e Flashguns con cavi di prolunga per catturare il chitarrista jazz presso la discoteca Martedì Grasso a New York City. Negli ultimi anni ha fotografato anche Gerry Mulligan, Al Grey, e pochi altri. Gottlieb ascolta ancora jazz, soprattutto Armstrong e “straight-ahead jazz Benny Goodman periodo”, citando Miles Davis come suo punto di taglio.
Le fotografie prese Gottlieb 1938-1948 sono forse i più immagini riprodotte jazz di oggi. La Library of Congress di William P. Gottlieb Collection è ampiamente utilizzato da clienti sia on-e off-site ed è consultato regolarmente da giornalisti, editori di libri, curatori di musei, artisti e produttori di documentari multimediali. Le fotografie sono in numerose gallerie d’arte e sono stati esposti in oltre 150 sedi negli Stati Uniti e all’estero, tra cui la National Portrait Gallery di Washington, DC (che ha acquisito copie di Duke Ellington e Billy Strayhorn), la Biblioteca del Congresso parte della mostra permanente americano Tesori, la Deutsche Bank su Fifty-Second Street a New York City, la United States Information Service Amerika Haus a Berlino, il Museo d’Arte Moderna di Stoccolma, e il Museo Navio of Art di Osaka, in Giappone. lavoro di Gottlieb è stato descritto in innumerevoli libri ed articoli, utilizzato per circa 250 album copertine di dischi, apparso in documentari televisivi e film importanti, ed è stato distribuito su poster, cartoline, calendari e magliette. Articoli su Gottlieb sono apparsi sul New York Times, il Washington Post, il St. Louis Post-Dispatch, Down Beat, Jazz Times, Civilization, il Rag Mississippi, e decine di altri giornali e riviste. Nel 1994 la United States Postal Service selezionati Gottlieb ritratti di Billie Holiday, Charlie Parker, Mildred Bailey, e Jimmy Rushing per una serie di francobolli per commemorare interpreti jazz. National Public Radio ha intervistato Gottlieb per il suo popolare programma “All Things Considered”, e in precedenza è apparso sul suo “Fresh Air” show.

[Quattro ritratti di Gottlieb sono la base per la spedizione di francobolli degli Stati Uniti].
Per quanto riguarda Gottlieb Le fotografie, Walter Schaap ha commentato: “Sono come splendide fotografie e tanto tipica dell’artista hanno rappresentato che lo bloccato nella mia memoria, che questo è ciò che Coleman Hawkins sembrava, e questo è ciò che Lester Young sembrava, e questo è ciò che Louis Armstrong sembrava, tanto che oggi, quando mi ricordo questi musicisti che conoscevo, penso a loro in termini di quello che sembrano nelle fotografie di Bill. ” Un artigiano esperto, Gottlieb è stato in grado di catturare la personalità dei musicisti jazz in un sensibile maniera narrazione. Ha preferito la rappresentazione degna di artisti gravi sul lavoro, più che ritratti in posa, e scoraggiato rapina e clownerie. (Una eccezione è il caso di Cab Calloway, che era noto per la sua ostentazione.) Le fotografie mostrano una naturale affinità per l’umanità degli artisti ‘e un genuino rispetto per la loro arte creativa. lavoro di Gottlieb è un importante contributo alla documentazione della cultura americana in un periodo in cui la musica jazz prosperato nonostante la depressione e la seconda guerra mondiale.

Lascia un commento

I campi richiesti sono evidenziati con *.